M5S Alto Adige-Südtirol

L’ex pm Tarfusser brinda con Durnwalder: Fraccaro porta il caso in Parlamento

«Ho depositato oggi un’interrogazione al Ministro della giustizia, per sollecitarlo a intervenire e appurare la legittimità del comportamento di Cuno Tarfusser, già pm di Bolzano e attualmente giudice della Corte penale internazionale, sorpreso recentemente a “brindare” all’assoluzione dall’accusa di peculato di Luis Durnwalder, ex Presidente della Provincia di Bolzano. L’episodio è grave e non solo una formalità: Tarfusser, infatti, è il predecessore, ai vertici della Procura bolzanina, di Guido Rispoli, che ha istruito il processo contro Durnwalder per l’utilizzo dei fondi riservati della Provincia di Bolzano. Inoltre, Tarfusser ha avuto un ruolo come testimone nel processo Durnwalder, chiamato a deporre dai difensori Brandstätter e Ajello». Lo dichiara in una nota il deputato M5S Riccardo Fraccaro, che pochi giorni dopo l’interrogazione depositata per chiarire i legami indiretti di affari e parentela tra Durnwalder e il giudice Perathoner, torna alla carica con un’interrogazione sul “caso Tarfusser”, dopo la presa di posizione dell’Associazione nazionale magistrati.

«A pochi giorni dalla conclusione del processo a carico di Durnwalder – dichiara Fraccaro –, scopriamo che molti sono i nervi scoperti attorno a questa vicenda, sulla quale vogliamo sia fatta piena luce. Nel caso specifico, siamo di fronte a un atteggiamento francamente inaccettabile per un ex procuratore attualmente giudice e vicepresidente della Corte Penale Internazionale dell’Aja, eletto su proposta dell’allora Ministro della giustizia Alfano e dell’allora Ministro degli esteri Frattini. L’esercizio della funzione magistratuale dovrebbe essere connotato dal rispetto dei principi di imparzialità e correttezza, per assicurare il perseguimento dell’interesse pubblico proprio della funzione giurisdizionale: una condotta che dovrebbe essere irreprensibile soprattutto nella separazione dei poteri, onde evitare anche il minimo dubbio. Il comportamento di Tarfusser, ci pare, al contrario, del tutto inopportuno per un magistrato e non fa che alimentare la convinzione che in Alto Adige tra giustizia e politica ci sia una commistione pericolosa. Chiedo quindi al Ministro di fare tutta la chiarezza possibile su questo caso e sugli altri numerosi sottoposti alla sua diretta attenzione che interessano la giustizia altoatesina».

Tagged with:

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *