M5S Alto Adige-Südtirol

Processi Sonderfonds e Stein an Stein, legami di parentela del giudice Tappeiner: Fraccaro interroga il Ministro della giustizia

Nuova interrogazione del deputato M5S eletto in Trentino-Alto Adige Riccardo Fraccaro al Ministro Orlando per un caso che interessa la giustizia altoatesina. La terza nel giro di un mese, dopo quella sul “caso Perathoner” e quella sul “caso Tarfusser”. «Il problema di fondo su cui chiedo di fare chiarezza – spiega Fraccaro – è ancora una volta quello del potenziale conflitto di interessi dovuto a legami di parentela. Stefan Tappeiner, giudice a latere assieme a Perathoner nel processo “Sonderfonds”, è infatti figlio di Robert Tappeiner, ovvero colui che per 46 anni è stato sindaco di Parcines, da sempre membro dell’SVP e legato all’ex presidente Luis Durnwalder da rapporti di lunga conoscenza e profonda stima, come documentato da articoli di stampa. Ma non è tutto: il giudice Tappeiner è attualmente anche membro del collegio giudicante nel processo in corso “Stein an Stein”, che vede imputato Michl Laimer, anch’egli esponente storico dell’SVP nonché ex assessore della giunta Durnwalder, con l’accusa di abuso d’ufficio. In qualità di consigliere e assessore provinciale SVP, dal 1998 al 2012 Michl Laimer ha avuto diversi e documentati rapporti istitu20090206_tappeiner e Laimerzionali e politici con il sindaco di Parcines, Robert Tappeiner, soprattutto nell’ambito delle politiche ambientali, energetiche, urbanistiche e dei lavori pubblici. Ora si trova a dover essere giudicato da Tappeiner figlio».

Come per il caso del giudice Perathoner, anche per il giudice Tappeiner quelli che Fraccaro solleva sono forti dubbi di legittimità: «Il codice di procedura penale – spiega il portavoce M5S – impone che il giudice non abbia alcun interesse personale diretto o indiretto nella vicenda processuale sulla quale deve pronunciarsi; in caso contrario, ha l’obbligo di astenersi. In particolare, l’articolo 36 prevede l’obbligo di astenersi in presenza di gravi ragioni di convenienza, ipotesi che sembrerebbe configurabile in ambedue i processi: sia in quello, già concluso, per i fondi riservati, sia in quello tuttora in corso “Stein an Stein”, considerati i legami esistenti tra il padre del magistrato e gli imputati. Legami che secondo fonti di stampa sono di lunga data e tutt’altro che superficiali. Considerata la delicatezza del caso – conclude Fraccaro – ho ritenuto opportuno portare i fatti a conoscenza del Ministro della giustizia, che sollecito a esprimere una valutazione urgente in merito al ruolo del giudice Tappeiner nell’ambito dei due processi».

Tagged with:

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *