M5S Alto Adige-Südtirol

Gestione dell’urbanistica comunale, la trasparenza risulta non pervenuta

Un’altra interrogazione, ancora risposte sostanzialmente inevase. La gestione di un assessorato delicatissimo come quello all’Urbanistica è risultato negli anni molto discutibile: quando si decide di edificare un’area verde o riedificare sul costruito, quando si decide di cambiare volto a un quartiere o a una via, quando – un esempio a caso – si decide di dimezzare un parco cittadino per far posto a un “indispensabile” centro commerciale, si compiono scelte difficilmente reversibili e per questo devono essere fatte con estrema oculatezza.

Ma torniamo all’interrogazione. In due paginette siamo andati a ripercorre la travagliata storia della demoricostruzione di villa Mathilda, ponendo una raffica di domande sulle incredibili omissioni e sugli errori commessi dal Comune sulla vicenda. Ma questo caso è solo la classica punta dell’iceberg e per questo abbiamo chiesto alla Giunta di azzerare tutto, cambiando radicalmente metodo, dissociandosi dalle giunte precedenti e ripartendo con un preciso obiettivo da perseguire: la trasparenza. Senza trasparenza e regole giuridico normativistiche chiare le decisioni vengono prese in poche stanze, da poche persone – sempre le stesse – e chi desidera far emergere dubbi e criticità si scontra con la difficoltà a reperire le informazioni, le carte… Una difficoltà che abbiamo incontrato noi come consiglieri comunali nell’esercizio del nostro mandato, figuriamoci un cittadino alle prese con le pastoie della burocrazia. Ed è un preciso interesse pubblico far sì che le istanze emergano, perché è dal bilanciamento di punti di vista differenti che si evitano almeno i guai peggiori.

L’avvocatura del Comune intanto è sommersa di lavoro a causa di centinaia di contenziosi urbanistici aperti, con costi elevatissimi per tutti e i relativi disservizi, ritardi, spese a carico degli imprenditori del settore, in un periodo oltretutto difficile per l’edilizia.

Il risultato di queste semplici richieste di buon senso? Nessuna risposta sul caso in particolare, nessuna presa di distanza dal corso preso in precedenza, nessuna trasparenza. Noi però non ci arrendiamo.

Davide Costa M5S Bolzano

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *