M5S Alto Adige-Südtirol

Approvata mozione del M5S: le imprese locali verranno favorite negli appalti pubblici

Era uno degli impegni presi in campagna elettorale: tutelare le nostre imprese, l’ambiente, la salute. Obiettivi diversi, ma centrati in un’unica mozione, la 766/17 (“La promozione delle imprese locali che garantiscono produzioni a chilometri zero”), che ha impegnato la Giunta a modificare il codice degli appalti nell’ottica di valorizzare le aziende che utilizzano beni e prodotti da filiera corta e a chilometro zero. Un triplice successo quindi: salvaguardiamo le aziende locali dalla concorrenza sleale di imprese che operano in contesti economici in cui i vincoli sindacali e ambientali sono (inaccettabilmente) minori; evitiamo di far viaggiare inutilmente beni di diverso tipo con quel che ne consegue in termini di inquinamento, rumore, emissioni di anidride carbonica; evitiamo che tutto questo inquinamento ricada negativamente sulla salute dei cittadini e del pianeta. La nostra provincia che sconta i problemi di smog legati al transito di milioni di mezzi pesanti l’anno dovrebbe affrettarsi ad imboccare una diversa direzione, favorendo la filiera corta e quindi il mercato locale.

E’ stata quindi una lunga battaglia, iniziata con l’odg 21 ai ddl 25 e 26 del 2014 e proseguita con gli emendamenti alla legge appalti, poi sfociati nell’art. 35 della stessa, oggi ampliato nelle sue previsioni grazie all’approvazione della sopracitata mozione 766 e che si concluderà con il deposito di un apposito ddl per chiudere il cerchio da un punto di vista strettamente giuridico. Un ampliamento peraltro reso possibile da un correttivo al codice nazionale degli appalti proposto dal deputato Riccardo Fraccaro.

Ringraziamo infine i consiglieri hanno accordato il loro consenso alla nostra mozione, noi come loro pensiamo che questo sia un passo verso un Alto Adige più giusto e sostenibile.

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *