M5S Alto Adige-Südtirol

Pdl e grillini criticano i Verdi: se ne sono accorti solo adesso

LAIVES. Opposizione all’attacco della giunta sulla cittadella dello sport, soprattutto dopo che il presidente della giunta provinciale Durnwalder ha detto chiaramente che la gestione futura del complesso sportivo riguarderà esclusivamente il Comune di Laives. Bruno Borin e Christian Bianchi (Pdl) dicono di essere «attoniti di fronte al giro di valzer dei Verdi sulla cittadella, progetto di cui si parla da 3 anni e mai Giorgio Zanvettor (ex assessore dei Verdi) ha sentito la necessità di ascoltare i cittadini sul tema, come aveva fatto invece per il parco di via Marconi». Borin e Bianchi esprimono preoccupazione per la mancanza di chiarezza attorno al grande progetto e ai costi futuri di gestione, ma ritengono comunque la cittadella sportiva un’opportunità per Laives: «Il futuro è nelle mani dei nostri amministratori comunque», dicono i due consiglieri.  Critiche ai Verdi anche dai “grillini” di Laives Futura. «Stanno cercando, in forte ritardo oramai, di tornare a fare i Verdi – si legge in una nota del consigliere Paolo Castelli -. Noi siamo sempre per un sistema referendario, per sentire il parere dei cittadini anche sul progetto. Laives ha bisogno di impianti sportivi per tutti e non “su misura”. Su misura per una società di calcio – Fc Alto Adige – che, ricordiamo, ha sede a Bressanone. Della cittadella così organizzata, ai lavesotti rimarrebbero solo le briciole e la beffa di dover chiedere per favore in casa propria». (b.c.)

 

Articolo tratto da www.AltoAdige.it.

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *