M5S Alto Adige-Südtirol

Stadio su vecchia discarica: pericolo per le falde?

Il ritrovamento nell’area dell’inceneritore di Bolzano di 8.500 tonnellate di rifiuti tossici è uno scenario che potrebbe riproporsi in forme molto simili anche a Laives quando inizieranno i lavori per la costruzione del nuovo stadio per l’FC – Alto Adige. Infatti una parte della zona individuata per costruire il nuovo complesso sportivo è stata utilizzata in passato, nella parte più vicina all’abitato di Pineta, come discarica di inerti. Un’indagine geologica ha individuato tracce di inquinanti di vario genere che finora fortunatamente non hanno contaminato la falda, ma non è del tutto escluso che, con i lavori previsti, possano esserci delle infiltrazioni. La situazione di maggiore pericolo potrebbe però essere costituita dalla vecchia discarica di rifiuti urbani del capoluogo, attiva fino ai primi anni ’60, e che nel ricordo di molti abitanti era collocata più a ovest della prima. La mancanza in quegli anni di norme in materia ambientale aveva permesso il conferimento di materiali di ogni tipo e perfino di rifiuti ospedalieri. L’amministrazione precedente non ha mai fornito informazioni soddisfacenti per cui non siamo in grado di determinare con esattezza l’ubicazione di questa seconda discarica, non abbiamo notizia di indagini accurate o di bonifiche, ma al massimo di un’operazione di compattamento che avrebbe conservato nel sottosuolo paludoso della Galizia quanto vi fu conferito.

Cosa potrebbe succedere un domani, se venissero costruiti un enorme stadio e altre strutture parimenti impattanti, è difficile da ipotizzare in mancanza di dati certi. Proprio per questo sarebbe importante che chi dichiara di ispirarsi ai principi della trasparenza e della partecipazione rendesse di dominio pubblico l’esatta ubicazione della discarica, e che le analisi dei carotaggi che verranno fatte vengano rese pubbliche e non insabbiate.

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *