M5S Alto Adige-Südtirol

Puc: l’area Forti tra quelle edificabili

Puc: l’area Forti tra quelle edificabili

Critico il grillino Castelli: “Mozione di sfiducia se non sarà stralciata”

LAIVES. Nella bozza del nuovo Piano urbanistico comunale, che da poco è stata consegnata ai consiglieri di opposizione, ci sono anche gli ormai noti ottomila metri quadrati di 
verde agricolo del “caso Forti”, destinati a diventare edifica
bili. Critiche a riguardo dal “grillino” Castelli.

Tra i primi ad analizzare l’ipotesi predisposta dallo studio 
«Veneto progetti», c’è il consigliere della lista civica Laives 
5 stelle, Paolo Castelli, che 
preannuncia una mozione di 
sfiducia al sindaco Di Fede se 
in fase di approvazione del 
nuovo Puc, si manterrà la pre
visione attuale in bozza che ri
guarda quegli ottomila metri 
lavorati dal figlio dell’ex vicesindaco Georg Forti per conto 
di una società nella quale egli 
stesso è tra i soci. Castelli non 
nega che era particolarmente 
curioso di vedere queste previsioni urbanistiche, soprattutto dopo che era scoppiato il caso dell’ex vice sindaco per una 
campagna accanto a via Andreas Hofer. «Guardacaso – dice adesso Castelli – nella bozza 
del Puc, le proposte di trasformazione dei terreni in chiave 
edilizia prese in considerazione da chi ha rielaborato il Puc 
per i prossimi anni sono solo 
due: una a San Giacomo e l’altra a valle di via Hofer, un’area che comprende proprio il 
terreno lavorato dal fìglìo dell’ex vicesindaco Forti assieme 
ad altre particelle. Ci sono state oltre 40 richieste fatte da altri cittadini, che per ora non 
sono state accolte. Perché, se 
si deciderà di lasciarla come 
zona edificabile nel nuovo 
Puc, io presenterò mozione di 
sfiducia al sindaco? Perché è 
evidente che essendo stata recapitata in Comune il 18 maggio scorso, l’attuale giunta e il 
sindaco in particolare, non potevano non sapere cosa conteneva. Nonostante questo, la 
questione è scoppiata solo in 
seguito ad un’inchiesta giornalistica: prima nessuno ne ha 
fatto cenno e non mi risulta 
neppure che ci siano state contestazioni all’ex vicesindaco 
sul possibile conflitto di interessi». Tecnicamente, la bozza 
del nuovo Puc contiene due zone di espansione per complessivi 60 mila metri cubi edificabili. A Laives città sì prevede 
un’area a valle di via Andreas 
Hofer di 19 mila metri quadrati, in cui sono compresi gli 8 
mila “lavorati” dal figlio dell’ex vicesindaco. Diecimila sono a san Giacomo, nella campagna ai piedi della chiesetta.

Articolo tratto da www.AltoAdige.it.

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *