M5S Alto Adige-Südtirol

Malles, i cittadini sono sovrani ma alcuni cittadini sono piú sovrani di altri

Nella sua seduta del 7 e 8 gennaio, il Consiglio comunale di Malles aveva all’ordine del giorno un punto in sè piuttosto semplice: rendere concreta la volontá della popolazione chiaramente espressa nel referendum antipesticidi. 2.377 cittadini, il 75,68 per cento degli aventi diritto al voto, si erano espressi in tal senso. Una maggioranza schiacciante. Ieri il Consiglio di Malles ha votato contro l’introduzione nel nuovo statuto comunale del divieto dell’uso dei pesticidi, andando in direzione diametralmente opposta alla volontá dei propri cittadini e dello stesso Sindaco. Pare legittimo chiedersi quale sia la cultura democratica dei consiglieri comunali che hanno votato contro o si sono astenuti, se non riescono ad avere rispetto neanche per un referendum dall’esito tanto chiaro… Il livello della discussione in aula è stato inoltre sconsolante, con gli attacchi indiretti al Sindaco che sovrastavano le argomentazioni di merito.

E mentre l’attenzione mediatica a livello nazionale, europeo e addirittura internazionale si concentra sul coraggio dei cittadini e del sindaco di promuovere i principi di tutela ambientale e salvaguardia della salute della popolazione, ora il messaggio che passa è che il popolo non è sovrano e che la democrazia diretta è dunque una farsa, dato che ancora una volta gli interessi di alcune lobby si sono sovrapposti a quelli collettivi. Abbiamo scherzato, insomma. Se questo è il rispetto che questi cosiddetti politici hanno per la volontà dei cittadini, il lungo percorso che ci attende nei prossimi mesi per ottenere migliori strumenti di democrazia diretta è iniziato davvero male…

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *