M5S Alto Adige-Südtirol

Costi della politica: nuova restituzione del M5S Alto Adige

In base alle regole interne stabilite dal M5S Alto Adige per questa legislatura, quanto eccede dai 2.500 euro di stipendio netto mensile per l’attività di consigliere provinciale, deve ritornare nelle casse della tesoreria della Provincia. Ecco quindi una nuova restituzione di 7.500 euro effettuata dal gruppo consiliare del M5S, una cifra che sommata alle precedenti fa lievitare a oltre 31mila euro il totale di quanto restituito da inizio legislatura ai cittadini. Va inoltre sottolineato che ogni consigliere dispone di 750 euro mensili per le sue spese personali (trasporti, pasti, ecc.), lasciati nel nostro caso inutilizzati.Certo, queste sono cifre che modificano solo in modo infinitesimale il bilancio provinciale. Ma si tratta comunque di un segnale in controtendenza, in un periodo difficile per tanti cittadini presi nella morsa della crisi e che assistono disgustati alle assurde cifre investite da alcuni partiti – il verbo è quanto mai adatto a descrivere la situazione – nella campagna elettorale per le comunali. I soldi restituiti avrebbero fatto comodo anche a noi, ma abbiamo scelto diversamente e la nostra campagna elettorale a Bolzano costerà solo 2.450 euro.
La donazione liberale è stata volutamente girata sul conto corrente della tesoreria della Provincia e non della Regione, un ente sostanzialmente svuotato di significato e funzioni, a parte quella di versare le indennità e i vitalizi a consiglieri ed ex. I nostri versamenti non li gireremo mai lì, ma naturalmente potranno farlo i consiglieri che hanno votato per istituire presso la Regione il fondo per le donazioni.
schenkung schatzamt koellensperger april2015

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *