M5S Alto Adige-Südtirol

Mediengesetz, nessun miglioramento in aula

Il disegno di legge relativo alle agevolazioni ai media è stato approvato dalla maggioranza in Consiglio, senza modificare quello che a nostro avviso rimane un problema di fondo: il troppo potere in mano alla Giunta provinciale nel definire i criteri e le modalità con le quali i contributi verranno erogati, questione demandata ad una successiva delibera della Giunta, che per definizione è emanazione della maggioranza politica. Sono stati respinti, come del presto prevedibile, gli emendamenti del M5s, che miravano a spostare il potere decisionale dalla Giunta al Comitato provinciale per le comunicazioni. Il M5s è anche contrario all’emendamento della stessa Giunta, con il quale i contributi d’ora in poi saranno concessi unicamente a queli portali che costringono i propri utenti ad un complicato processo di restistrazione con tanto di codice di conferma via SMS, che a nostro parere avrà come conseguenza non il paventato miglioramento della qualità delle discussioni e dei commenti online, ma una forte contrazione del numero di utenti che parteciperanno ai dibattiti sui forum dei portali Internet sudtirolesi, lasciando il campo a pochi e noti commentatori abituali e ai social media dove commenti discriminatori e razzisti continueranno ad essere postati come prima, evidentemente comportando non un miglioramento della qualità della discussione, ma la sua riduzione ai minimi termini.

Respinto anche l’emendamento del M5s che chiedeva di riconoscere la particolare situazione dei media ladini nella definizione dei contributi minimi, e di premiare maggiormente gli editori che assumono collaboratori precedentemente freelance con regolare contratto da giornalista (senza per questo penalizzare i piccoli portali Internet, che non se lo possono permettere).

M5s
Paul Koellensperger

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *