M5S Alto Adige-Südtirol

Aeroporto, il nuovo piano non ci convince

“Privatizzare l’aeroporto? Non è pensabile: un privato disposto a partecipare a questa società deve essere della Caritas”. E’ una battuta quella di Johann Frank di Acv (Airport Consulting Vienna), l’uomo che ha redatto il piano strategico per il rilancio dell’aeroporto di San Giacomo, ma rende bene l’idea di quello che ci aspetta: il ruolo della “Caritas” toccherà alla mano pubblica. Quindi a noi. Niente di nuovo, insomma.
Ed anche il promesso impegno della Camera di commercio, disposta a partecipare fino alla metà dei costi operativi dello scalo bolzanino, non cambia le carte in tavola: la Camera di commercio non beneficia annualmente di cospicui contributi provinciali e regionali? Soldi pubblici quindi, e siamo daccapo.
Dal business plan presentato, risulta inoltre che il disavanzo della gestione operativa dal 2017 al 2035 ammonterà a ben 58 milioni di euro e che anche nel 2022 – anno in cui la Provincia, con la premessa che si raggiunga i 170mila passeggeri minimi, metterebbe un milione e mezzo l’anno di cofinanziamento – il disavanzo operativo risulta essere di 4 milioni. I conti non tornano. E se non tornano, Abd risulterà indebitata. E qui torniamo alle prime righe di questo comunicato…
Che fare quindi? Il M5S resta convinto che la strada sia quella di puntare sull’ottimizzazione dei collegamenti ferroviari e tramite linee di pullman per collegare meglio all’Alto Adige gli aeroporti di Innsbruck e Verona. I turisti che scelgono di arrivare in Alto Adige in aereo sono oggi una minoranza insignificante – anche 170mila passeggeri sarebbero solo il 2.8 per cento del totale dei turisti – e comunque per raggiungere le località turistiche dell’intera parte nord/est della provincia (val Pusteria, Badia, Aurina, le Dolomiti, ecc.), lo scalo di Innsbruck resta più conveniente in termini di tempi di percorrenza: per andarci da Bolzano o dal capoluogo tirolese occorre più o meno lo stesso tempo.
In conclusione, se le categorie economiche sono convinte di questo piano strategico investano loro senza aiuti pubblici. Noi preferiamo spenderli per sanità, sociale ed educazione.

Paul Köllensperger – M5S Alto Adige / Südtirol

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *