M5S Alto Adige-Südtirol

Gli enti locali e il centralismo romano: amministrare un comune negli anni del renzismo

Il sindaco di Livorno Filippo Nogarin e la deputata Laura Castelli saranno a Bolzano lunedì 26 ottobre alle 18.30 presso la Kolpinghaus, per dialogare con i cittadini. Con loro, a fare gli onori di casa, ci saranno anche il consigliere provinciale Paul Köllensperger, il deputato Riccardo Fraccaro, gli ex consiglieri comunali e i consiglieri di circoscrizione di Bolzano del M5S.
Con Parma, guidata da Federico Pizzarotti, Livorno è l’altro grande comune italiano amministrato da un esponente del Movimento 5 Stelle. Sindaco da giugno 2014, Nogarin ha spezzato un dominio incontrastato della sinistra durato decenni, iniziando un difficile percorso di rilancio di una città lasciata in profonda crisi dalle precedenti amministrazioni rosse. Il 45enne sindaco-ingegnere ha anche lanciato interessanti proposte di stringente attualità in ogni comune italiano: la difesa della sanità pubblica per garantire ai cittadini i servizi essenziali; il progetto di raccolta porta a porta dei rifiuti, in netta discontinuità con la locale municipalizzata che nelle precedenti gestioni ha accumulato un deficit di 25 milioni di euro; il ridimensionamento dell’inceneritore di Livorno con lo stop alla realizzazione di una terza linea di incenerimento; la difesa dello storico quartiere della Venezia, che ha rischiato di essere sommerso da una colata di cemento; l’avvio delle bonifiche di aree inquinate. Tutti problemi che toccano anche la nostra Bolzano.
Ha raccontato lo stesso Nogarin sul blog di Beppe Grillo: “Come sindaco ho rinunciato all’utilizzo dell’auto blu, ricollocando i due autisti ad altri uffici della pubblica amministrazione, scegliendo di utilizzare la mia vettura o i mezzi pubblici. Ciò ha comportato un risparmio per le casse del Comune di oltre 100 mila euro. Ho anche ridotto al minimo le spese di rappresentanza: per l’anno in corso questa voce di spesa ammonta a 120 euro per un pranzo istituzionale offerto ad una ambasciatrice e al suo staff. I componenti della Giunta e tutti i consiglieri del M5S, inoltre, versano una quota dei propri emolumenti su un fondo appositamente creato, destinato a finanziare, di anno in anno, progetti con finalità sociale, ambientale e culturale, attraverso un bando messo sulla rete aperto ad associazioni e scuole: una commissione sta analizzando i progetti per provvedere nelle prossime settimane a restituire il denaro dei cittadini alla pubblica utilità. Su questa scia pure i dirigenti comunali hanno deciso di devolvere una percentuale del proprio premio di risultato”.
La deputata Laura Castelli, membro della Commissione parlamentare per l’Attuazione del federalismo fiscale e di quella Bilancio, affronterà alcuni dei problemi tipici della finanza locale, descrivendo le soluzioni e le proposte che il MoVimento 5 Stelle ha portato in Parlamento per superarli. Altre tematiche di stringente attualità, in anni di duri tagli imposti dal Governo.

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *