M5S Alto Adige-Südtirol

Raccolta porta a porta, eppur si muove

L’inerzia iniziale è stata vinta? Una seppur tenue speranza sembra lecito coltivarla. La notizia è questa: la Seab pare intenzionata a sperimentare la raccolta porta a porta della carta in alcune zone di Bolzano. Bene, benissimo. Sono anni che il Movimento 5 Stelle e le associazioni ambientaliste chiedono di adottare politiche di gestione dei rifiuti che vadano nella direzione auspicata dalla strategia Rifiuti Zero, già applicata con successo in numerosi comuni italiani.

I bolzanini hanno dimostrato con i fatti, ossia la buona volontà con cui si impegnano nel differenziare i propri rifiuti, di essere pronti per quella raccolta porta a porta che consentirebbe alla città di compiere il passo decisivo verso una governance davvero sostenibile del problema. E grazie all’introduzione di un sistema a tariffa puntuale, cittadini e imprese pagherebbero finalmente per gli svuotamenti effettuati. Questa sarebbe – finalmente – la vera adozione del principio “meno inquini, meno paghi”, evitando così le comprensibili proteste di artigiani e commercianti e dando così impulso a pratiche virtuose sugli imballaggi da parte della grande distribuzione. Risparmiano i cittadini, risparmia l’ambiente.
E quindi via le campane della differenziata dalle strade – lasciando solo qualche isola ecologica di quartiere per gli ingombranti e la raccolta degli oggetti riutilizzabili – e avanti con coraggio verso il porta a porta. Resterebbe una domanda: e a quel punto cosa daremo in pasto al nostro inceneritore?

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *