M5S Alto Adige-Südtirol

Le nostre riflessioni sul tram per l’Oltradige

Sono ormai decenni che gli esperti di mobilità sostenibile lo ripetono come un mantra: il traffico va spostato il più possibile dalla gomma al ferro. Per questo non possiamo che appoggiare l’impegno del Comune di Bolzano, ma anche di Appiano e Caldaro, che stanno cercando di ragionare insieme alla Provincia per trovare un’intesa con l’obbiettivo di investire nel progetto del tram per l’Oltradige. Per strade e tunnel le risorse si trovano sempre, ma questa sarebbe un’infrastruttura davvero strategica che per la mobilità sostenibile nel territorio: già oggi con il Metrobus i pendolari della zona che utilizzano il trasporto pubblico locale sono aumentati dal 7 al 22 per cento, quando le alternative ci sono, i cittadini sanno anche cambiare le proprie abitudini. Compito della politica è creare le condizioni per questi cambiamenti virtuosi.

Quello che un po’ preoccupa sono le modalità con cui si sta procedendo: un dialogo tra giunte, con il corollario di qualche articolo sui giornali buono più per esercitare pressione sulla controparte piuttosto che per coinvolgere i diretti interessati, ossia i cittadini. In questo senso – oltre alle fondamentali valutazioni sulla viabilità e sulla sostenibilità economica – vanno anche considerati i molti cittadini la cui voce andrebbe ascoltata prima di decidere. Ad esempio ci sono ancora molti espropri da fare con i relativi legittimi interessi da valutare; vanno ascoltati i commercianti dell’asse di via Druso che hanno espresso perplessità; va studiato con attenzione l’impatto del progetto nella zona di piazza Verdi, considerato che in futuro il megastore di Benko attirerà (purtroppo) una notevole mole di traffico che renderà ancora più caotica la zona per chi ci vive. Insomma, al lavoro di assessori e tecnici andrebbe finalmente affiancato anche un vero coinvolgimento dei cittadini, con assemblee pubbliche in cui un’opera di questa importanza (e costo) venga spiegata e in cui chi lo desidera possa avanzare proposte e critiche.

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *