M5S Alto Adige-Südtirol

Via Renon, e gli oltre 2mila autobus che vi transiteranno quotidianamente?

La vicenda ha del grottesco. Prima si spiana consapevolmente la strada a un progetto dagli impatti brutali sul centro cittadino come il megastore targato Benko. Non contenti, si prende pure la decisione scellerata di spostare la stazione delle autocorriere – a spese proprie – in via Renon anziché lasciarla dove era, magari interrata e comunque in pieno centro. Ora si devono fare i conti con i poco piacevoli effetti collaterali di una scia di pessime decisioni, in primis il disagio per la città che il megacantiere inevitabilmente provocherà. Il sindaco Caramaschi (cui va almeno dato atto di essersi espresso contro la speculazione targata Benko, ma più in là delle parole non si è spinto) sta cercando di mettere qualche paletto per evitare che il centro impazzisca. A noi cittadini non resta che sperare, ma il pessimismo in questo caso parrebbe ben riposto.

E quindi ecco i tentativi di rimediare alla frittata fatta. E’ di oggi la notizia della volontà di realizzare due rotonde in via Renon. Serviranno a snellire il traffico? Ne dubitiamo. Eliminata la stazione delle autocorriere e trasferita in fondo a via Renon, si finirà inevitabilmente per far transitare per l’asse via Marconi, piazza Stazione e appunto via Renon, circa 2.200 autobus/giorno (secondo fonti indipendenti; secondo gli uffici provinciali ci si dovrebbe fermare a 1.950 circa, ma la questione non cambia granché). L’asse viario citato è in grado di reggere un simile volume di traffico?

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *