M5S Alto Adige-Südtirol

A22 in galleria o circonvallazione. Quando il gioco si fa duro

Quando il gioco si fa duro, le cifre ballano. E così il progetto che “deve” essere realizzato costa sempre molto meno dell’alternativa. Sui giornali si può leggere che la circonvallazione di Bolzano (la galleria sotto il Colle più quella sotto Monte Tondo) costerebbe “soltanto” 370 milioni di euro, mentre l’autostrada in galleria 780 milioni. A giugno il costo era ancora stimato in 700 milioni, nei mesi precedenti in una cifra compresa tra i 600 e i 700 milioni. Ed ecco infine l’accelerazione nel momento in cui il sindaco ha messo almeno in discussione l’opera: la bellezza di 780 milioni, 80 in più della stime appena precedenti… A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

Oltretutto nel computo dei costi non è stato incluso il costo delle opere aggiuntive per rendere funzionale la circonvallazione: il viadotto di collegamento con la Mebo, la strada interrata sotto via Einstein, il raddoppio della galleria di San Giacomo, la galleria sotto il Colle a doppia canna e il problematico svincolo per il centro storico. Il tutto per una cifra che si avvicina molto a quella della messa in galleria della A22, come sottolineato da più parti anche nella stessa maggioranza.  E fra l’altro, come si evince dallo stesso studio sulla viabilità nella conca di Bolzano realizzato della Provincia, la circonvallazione porterebbe a dubbi benefici sulla riduzione del traffico in città.

Conclusione: meglio mettere l’autostrada in galleria e usare l’attuale viadotto della A22 come circonvallazione. La sig.ra Pasquali, già assessore all’urbanistica nella precedente legislatura, suggerisce di puntare su entrambi i progetti. Sappiamo tutti però che solo un progetto sarà (forse) realizzato; non solo per una questione di costi, ma anche perché non c’è lo spazio fisico per due “buchi” sotto il Colle, che diventerebbero addirittura tre con la galleria della Tav (by pass ferroviario di Bolzano). E allora vien voglia di dire: coraggio Sindaco, non lasciarti intimidire!

Quel che balza agli occhi è che la nostra mozione per un’istruttoria pubblica su questi argomenti diventa sempre più urgente e necessaria. Occorre una visione strategica complessiva ponderata con oculatezza, non battute che si trasformano in titoli sui giornali. E quindi, ancora: come fa il treno ad arrivare all’ospedale? Con quali costi? Il terzo binario sarà costruito solo fino al bivio con la linea meranese? il tram urbano da Casanova è davvero una priorità? La chiusura – sia pure a fasce orarie – di alcune vie di accesso alla città è utile e legittima?

Pierluigi Gaianigo

consigliere comunale M5S

Paul Koellensperger

consigliere provinciale M5S

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *