M5S Alto Adige-Südtirol

I cantieri eterni che deturpano le città e i ritardi della politica

E dopo l’A22 in galleria ecco che Caramaschi tira fuori dal cassetto per farla propria anche la proposta del M5S di introdurre strumenti normativi per dire basta agli orribili scheletri di cemento che deturpano Bolzano e non solo, abbandonati per anni dagli speculatori edilizi in attesa che i prezzi di mercato – altissimi – si allineino alle loro aspettative di profitto. E il fatto che questi cantieri si trasformino spesso in rifugio per ratti e disperati? Pazienza, non è un problema loro, ma degli abitanti che hanno avuto la disgrazia di andare ad abitare vicini a questi “cimiteri urbani”.

Il M5S di Bolzano accoglie quindi con soddisfazione la notizia che nella nuova legge urbanistica provinciale ci potrebbe essere non solo una precisa tempistica sull’efficacia temporale delle licenze e sulla decadenza dei titoli abitativi, ma soprattutto la previsione di efficaci strumenti in mano ai Comuni, Bolzano in primis, per poter intervenire con decisione per rimuovere gli scheletri di edifici incompiuti. Sosteniamo da molto tempo che l’attuale legge va cambiata in quanto troppo sbilanciata nel favorire gli speculatori, come del resto previsto nel nostro programma elettorale. Ben venga quindi che si decida di stabilire termini certi e che scaduti questi ultimi scatta automaticamente la confisca o l’abbattimento.

Era stato Alberto Filippi a sollevare il problema con la verve polemica che lo contraddistingue da sempre e con diversi atti politici lo abbiamo ripreso anche in Consiglio provinciale. In particolare, nell’ormai lontano 2014, avevamo presentato la mozione n. 239/14 (“Proroga ‘eterna’ delle concessioni edilizie), che era stata però purtroppo bocciata in aula a termini di regolamento, malgrado la votazione si fosse conclusa in parità.

In definitiva ci fa piacere che le nostre idee vengano copiate, ma chiediamo che non si arrivi poi a una brutta copia dell’originale e che sulla questione finalmente si legiferi con rigore, riflettendo da quanti anni questi scheletri stanno deturpando i nostri quartieri. Se poi vi occorressero altre buone idee… Beh, chiamateci pure e saremo lieti di suggerirvene altre.

Paul Köllensperger

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *