M5S Alto Adige-Südtirol

Road pricing, stavolta Fattor ha ragione

Non siamo certo sospetti di avere delle particolari simpatie per Stefano Fattor – le nostre aspre polemiche sull’inceneritore fanno fede in questo senso – ma in questa occasione non possiamo non dirci in sintonia con lui: l’opzione road pricing per allentare la morsa del traffico su Bolzano andrebbe finalmente valutata seriamente.

Tutta la letteratura in materia di mobilità sostenibile converge su una premessa fondamentale: l’uso dell’auto privata va limitato, se vogliamo davvero centrare l’obiettivo di arrivare a città vivibili e libere dal traffico caotico, abbassando i preoccupanti livelli di inquinanti nell’aria che respiriamo e di rumore che siamo costretti a subire. Bolzano già oggi vanta un modal split degli spostamenti quotidiani simile a quello dei Paesi nordici.   lavoro. Pendolari che ovviamente non vanno “criminalizzati”, ma a cui al contrario vanno offerte alternative credibili. Sullo studio Buchanan va finalmente soffiata via la polvere, come già chiedevamo in una mozione dell’aprile 2016 poi bocciata in Consiglio provinciale. In quell’occasione però, l’assessore Mussner disse in aula che la Provincia avrebbe sostenuto una richiesta in questo senso se presentata dal Comune. Parole che non dimentichiamo e che ricordiamo anche al sindaco.

Notiamo infine con soddisfazione che il clima in Comune e anche in Provincia è cambiato su questi temi. Diverse proposte che nel corso del tempo abbiamo avanzato oggi sono valutate come meritano, dall’ A22 in galleria alla Sasa in house, dall’uso metropolitano della ferrovia  fino alle pubbliche esternazioni del sindaco Caramaschi sulla necessità di prevedere misure di contenimento all’ingresso di auto nel capoluogo. Noi non abbiamo un approccio ideologico ai temi, se di interesse pubblico faremo la nostra parte, come sempre.

Quello del road pricing è un tema troppo importante per la salute dei cittadini di Bolzano per essere abbandonato. Vogliamo una città più vivibile, meno intasata, meno inquinata.

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *