M5S Alto Adige-Südtirol

Servizio di asporto dei rifiuti sull’A22, al voto la Giunta si ritrova in minoranza!

In estrema sintesi il contesto in cui è maturata la mozione n. 60 è questo: il servizio di asporto dei rifiuti depositati negli appositi contenitori nelle piazzole di sosta o negli autogrill lungo l’A22 è gestito in regime di privativa dai vari comuni i cui territori sono attraversati dal tracciato dell’autostrada e costituisce un’importante fonte di introito per i comuni stessi. Ma ecco il problema: con una decisione unilaterale, nel gennaio del 2017 Autostrada del Brennero Spa ha iniziato ad affidare ad una ditta privata la gestione del servizio, adducendo motivi di maggiore economicità. Un modo di procedere sbagliato sia nei modi che nel merito: i territori sopportano un’infrastruttura tanto impattante in termini di inquinamento atmosferico e acustico, togliere l’introito derivante dal servizio di asporto rifiuti significa togliere una fonte di guadagno ai comuni che solo grazie a questo ricavo riuscivano a tenere basse le tariffe per i propri cittadini. Come M5s invece riteniamo che semmai A22 dovrebbe pagare ai comuni, come già fanno le società idroelettriche, delle compensazioni ambientali!
Con la mozione n. 60 abbiamo quindi chiesto – ed ottenuto – che il consiglio regionale impegnasse la giunta e la Regione in veste di principale azionista di A22 Spa, affinché richieda alla società la sospensione della decisione presa, in modo da approfondirne adeguatamente la legittimità, considerato che in Regione ed anche nelle 2 Province vige per legge il regime di privativa della gestione dei rifiuti solidi urbani a favore dei comuni (confermato dallo stesso assessore Theiner in aula a precisa domanda nel question time, in base ad un parere dell’ufficio gestione rifiuti della provincia). Interessante rimarcare, che a questo riguardo la risposta di Kompatscher alla nostra interrogazione 272 era di tenore diametralmente opposto, riprendendo sostanzialmente il testo di risposta fornito da A22 stessa. Chi allora ha ragione? I comuni o A22? Il presidente della giunta o il suo assessore ed ufficio competente? A nostro parere non vi è dubbio: la LP N.4/2006 assegna ai Comuni la raccolte dei rifiuti urbani in regime di privativa. E quindi con la nostra mozione abbiamo chiesto alla Giunta di prendere a sua volta posizione.
L’esecutivo provinciale da parte sua ha cercato di guadagnare tempo chiedendo una sospensione della mozione, oppure il suo indebolimento limitandoci a chiedere un tavolo di discussione tra le parti, peraltro giá avvenute ed infruttuose. Invece abbiamo ribadito la nostra volontà di andare al voto, non potevamo lasciare molti comuni con i loro già magri bilanci ad attendere ancora dopo un intero anno di silenzio sulla questione. E con grande soddisfazione abbiamo ottenuto che il plenum del Consiglio regionale seguisse la linea della mozione lasciando in minoranza la Giunta: la mozione è stata infatti accolta con 24 si, 20 no e 4 astensioni.

Paul Köllensperger
Filippo Degasperi

About author

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *