M5S Alto Adige-Südtirol

La Ministra Grillo: “Subito al lavoro per ridurre le liste d’attesa”

“Basta con la vergogna della mammografia dopo 13 mesi, di aspettare fino a un anno per una colonscopia, una visita oncologica o neurologica, salvo pagare di tasca propria, impoverendosi sempre di più e facilitando gli affari ai privati. Un fenomeno che mina alla radice l’universalità del Servizio sanitario pubblico”. La neoministra alla Salute Giulia Grillo ha le idee chiare e negli scorsi giorni ha inviato anche all’Asl dell’Alto Adige una circolare – a cui si dovrà rispondere entro 15 giorni – per ottenere informazioni sulle strutture sanitarie pubbliche e su quelle private accreditate.
In particolare la ministra chiede se tutte le prestazioni siano state effettivamente prenotate attraverso il Centro Unico di Prenotazione (Cup) e se sia utilizzato dalle strutture sanitarie pubbliche e da quelle private accreditate. Sono anni che ci battiamo sugli stessi temi anche in Alto Adige, una sanità provinciale in cui si investe moltissimo denaro pubblico e che può e deve essere governata meglio per garantire un giusto e democratico accesso ai servizi da parte di tutti i cittadini.

 

 

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *