Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol, Consiglio Provinciale.

In estrema sintesi la premessa è questa: in Alto Adige, l’Azienda sanitaria ha deciso di spendere circa 30 Mio per rimettere mano al sistema informatico ospedaliero e il grosso del lavoro sarà affidato alla società Insiel Mercato Spa, a cominciare dalla cartella clinica digitale, il cui costo si aggirerà sui 7 milioni di euro. La spesa totale in un triennio per il SIO si aggira sui 70 milioni.

In questa legislatura, il M5S si è molto battuto per il riuso gratuito – e sottolineiamo gratuito – del sistema utilizzato nel vicino Trentino. In sostanza a carico dell’Azienda sanitaria resterebbero i soli costi di implementazione di una piattaforma fornita a costo zero. E non si tratterebbe di un sistema qualsiasi, ma di una best practice riconosciuta a livello nazionale, già rodata in anni di utilizzo e che permetterebbe inoltre di disporre di un sistema unico regionale che semplificherebbe la mobilità dei pazienti, anche in un’ottica di specializzazione degli ospedali “periferici”. La vera perla del sistema trentino è proprio la cartella clinica digitale, denominata “TreC” (che è poi la piattaforma che consente ai cittadini della Provincia autonoma di Trento di entrare in rete con le istituzioni sanitarie e il proprio medico, consultare i referti online, gestire la privacy e accedere ad altri servizi, collegata ad una serie di applicativi per così dire sottostanti), per la quale sono stati spesi ca. 3,5 Mio.

Un mese fa, in occasione di un’audizione in Consiglio Provinciale, il direttore generale Schael, coadiuvato dai Dott.Mangia e  Colli Franzone, su precisa richiesta del M5s sulle ragioni del mancato utilizzo del TreC Trentino (nonostante un accordo di riuso già firmato) e sui motivi di una spesa di 7 Mio. notevolmente maggiore rispetto ad altri progetti paragonabili, avevano sostenuto che implementare la cartella clinica digitale del Trentino sarebbe costato più che rifarla da zero.

Ed ecco la notizia: la Valle d’Aosta ha deciso di implementare qualche tempo fa – utilizzando la formula del riuso gratuito – proprio il TreC, ossia la “Cartella Clinica del Cittadino”. Incuriositi siamo andati ad indagare, per capire se in Val d’Aosta erano veramente così ingenui da usare una piattaforma che evidentemente costava di più implementare che rifare da zero….

Domanda: quanto è costata alla Regione Valle d’Aosta l’implementazione di TreC?

Risposta: la società in house IN.VA (Informatica Valle d’Aosta) ha speso circa 50mila euro per l’implementazione. E tutto il Fascicolo sanitario elettronico è costato circa 1.8 milioni di euro.

Ma non ci avevano detto che piuttosto che adottare il TreC sarebbe stato più economico rifarlo da zero? E ancora: quanto costerebbe rimettere mano all’intero sistema informatico sanitario procedendo con la formula del riuso? Non lo sapremo mai.

Paul Köllensperger – M5S Alto Adige / Südtirol

Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol.

no-airport

E’ uno dei siti web più visitati d’Italia, punto di riferimento informativo per milioni di simpatizzanti del Movimento 5 Stelle e non solo. Il blog di Beppe Grillo ha pubblicato oggi un post del consigliere provinciale Paul Köllensperger dal titolo inequivocabile: “L’Alto Adige e l’(inutile) aeroporto delle lobby”. Una vetrina nazionale per un tema locale … continua

Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol.

aeroporto

Il Comitato no-airport.bz organizza per venerdì 10 maggio prossimo dalle ore 16:30 alle 19:30 in Piazza della Mostra a Bolzano l’evento di chiusura della campagna per il NO al referendum di domenica 12 giugno sul finanziamento dell’ampliamento dell’aeroporto di Bolzano. Aderiscono e partecipano all’organizzazione dell’evento: Dachverband, Legambiente, Ambiente e salute, Südtiroler Bauernbund Bezirk Unterland, Comitato … continua

Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol, Consiglio Provinciale.

paul_corrarati_bassa

Avevamo cercato in tutti i modi di mettere le mani avanti: la nostra doveva essere una proposta non ideologica, portata avanti insieme alla Cna e al suo presidente Claudio Corrarati, non esattamente un grillino sfegatato. Ma soprattutto era una proposta sensata e riconosciuta tale da mezzo Consiglio provinciale: i contrari sono stati 18 (Svp, Pd, … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen.

buco_via_aa (2)

Innumerevoli sono le brutte pagine di mala politica che negli anni scorsi Bolzano è stata costretta a subire. Alcune sono aperte ancora oggi, smaccati esempi dei legami dannosi tra certa “politica” e certa “imprenditoria”. Il territorio comunale, soprattutto in una città con le caratteristiche della nostra, è un bene comune prezioso da preservare. Ci auguriamo … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen.

logo comunali bz 2

La palude avanza, con un altro generale vittorioso senza truppe al seguito e la prospettiva di una maggioranza raccogliticcia dai mille appetiti da soddisfare per vivacchiare un giorno in più. Con oggi si apre il mercato delle vacche, buon divertimento a tutti. Il terrificante decennio targato Spagnolli si era finalmente concluso e già ci troviamo … continua

Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol, Bolzano/Bozen.

aeroporto

Informarsi, discutere, partecipare. Il voto sul referendum per il futuro del finanziamento pubblico dell’aeroporto di Bolzano si avvicina, il cittadino avrà presto un’occasione importantissima per stoppare l’infinito sperpero di risorse pubbliche che ha caratterizzato la gestione dello scalo provinciale. Non accontentiamoci della propaganda dei gruppi di potere e dei loro rappresentanti politici interessati a socializzare … continua