Scritto il da e archiviato in Consiglio Regionale/Regionalrat.

Con la bocciatura odierna del nostro ddl sull’ordinamento delle Apsp la Giunta Regionale trainata da PD & company (Patt e Svp) di fatto ha scelto di disattendere una disciplina statale varata dal loro sodale Renzi, che impone a tutte le amministrazioni pubbliche norme ben precise per quanto riguarda gli incarichi svolti da lavoratori in pensione. Secondo la cosiddetta Legge Madia, in vigore da quasi due anni, i pensionati che ricoprono ruoli dirigenziali nelle Apsp regionali (presidenti e vicepresidenti) dovrebbero lasciare l’incarico, per garantire il principio fondante della legge di ricambio e ringiovanimento del personale, o in alternativa scegliere di restare ma solo per un anno e a titolo gratuito. Pare, insomma, che secondo la Giunta SVP-PATT-PD, le leggi statali si possano applicare o disattendere a seconda del caso: oggi si è scelto di non adeguarsi, altre volte (il caso sanità è esemplare) ci si è adeguati fin troppo in fretta, giustificandosi con un laconico “È colpa di Roma”.

Nel nostro disegno di legge, che andava a modificare in alcune parti la legge regionale 7/ 2005 per colmare la lacuna formale del mancato recepimento della legge 124/2015 da parte della Regione, chiedevamo una cosa molto semplice, cioè che anche le Apsp regionali si adeguassero finalmente a una norma che è già applicata a livello provinciale e comunale. Il nostro ddl è stato bocciato, ma l’aspetto più scandaloso sono le motivazioni fornite: la Regione ha dichiarato di recepire la legge Madia, peccato però che nelle norme transitorie stia scritto che la stessa sarà applicata dopo il prossimo mandato. Una deroga? Certo che no. Gli incarichi attuali scadono nel 2018, dopodiché sarà possibile affidare altri incarichi per altri cinque anni. Sette anni in totale: non ci pare una deroga, ma una disapplicazione bella e buona. La discrezionalità della Regione permette, quindi, ai vari soggetti pensionati non solo di rimanere in carica dietro compenso fino al 2018, ma addirittura di vedersi rinnovare l’incarico per un altro mandato, fino al 2023! Uno speciale salvacondotto che va a beneficio di una manciata di persone, dimostrando una disparità di trattamento con altri pensionati che, non solo a livello provinciale ma anche comunale, sono stati esclusi o hanno dovuto rinunciare. Delle 46 Apsp in provincia di Trento, dieci sono rette da pensionati; la metà di questi opera già in maniera gratuita: vorremmo sbagliarci, ma a prima vista questo espediente ha tutta l’aria di essere fatto apposta per “salvare” cinque persone.

Filippo Degasperi e Paul Köllensperger

Scritto il da e archiviato in Consiglio Provinciale/Landtag.

paul

Il loro imbarazzo è più che comprensibile. La riforma Renzi-Boschi è l’esatto contrario della promozione del federalismo, del decentramento amministrativo, della sussidiarietà su cui si fonda la nostra Autonomia. Un mero calcolo di opportunità – peraltro errato – ha spinto l’Svp sul carro del Sì, malgrado i molti mal di pancia al suo interno. Che … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen, Consiglio Provinciale/Landtag.

(foto: Dipartimento Mobilità)

Sono ormai decenni che gli esperti di mobilità sostenibile lo ripetono come un mantra: il traffico va spostato il più possibile dalla gomma al ferro. Per questo non possiamo che appoggiare l’impegno del Comune di Bolzano, ma anche di Appiano e Caldaro, che stanno cercando di ragionare insieme alla Provincia per trovare un’intesa con l’obbiettivo … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen, Consiglio Provinciale/Landtag.

tangenziale

Le scelte sulla mobilità vanno sempre ponderate bene. E prima di investire centinaia di milioni di euro di denaro pubblico vanno ponderate benissimo, al meglio, evidentemente. Per valutare servono dati attendibili, quelli che nella discussione sulla viabilità di Bolzano non abbiamo mai visto. In particolare, è ignoto il numero di auto che costituiscono il cosiddetto … continua

Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol, Consiglio Provinciale/Landtag.

terremoto

Il M5S Alto Adige si unisce al lutto per le tante vite andate perse ad Amatrice e negli altri Comuni della Provincia di Rieti devastati dallo spaventoso sisma che ha colpito l’Italia centrale nella notte. Il nostro pensiero va a chi non c’è più e a quanti anche in questo momento stanno lottando fra le … continua

Scritto il da e archiviato in Consiglio Regionale/Regionalrat.

M5S_consiglio regionale

Sono giorni di Olimpiadi questi ed ecco che il segretario particolare, con un invidiabile salto mortale, si ritrova capo di gabinetto. Anche lo stipendio del suddetto fa un bel salto, ovviamente verso l’alto: circa 4mila euro netti mensili, più il premio di risultato che si aggirerà sui 10-11mila euro lordi (circa 450 euro netti mensili, … continua

Scritto il da e archiviato in Alto Adige/Südtirol.

dibattista

Un Ferragosto diverso, all’insegna dell’impegno politico che in questo momento ha una priorità assoluta: informare i cittadini sull’inaccettabile progetto di revisione costituzionale firmato Renzi-Boschi. Alessandro Di Battista si sta impegnando in un lungo tour con appuntamenti in tutta Italia (#IOVOTONO Costituzione Coast To Coast) e il 15 agosto farà tappa in Trentino Alto Adige, un’occasione … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen.

via_ressel

Tutta la vicenda del nuovo svincolo era iniziata male. Senza clamori già il 28 giugno il consigliere Davide Costa aveva presentato un’interrogazione urgente alla Giunta comunale per far presente le criticità di un progetto che ci lasciava – e ci lascia – alquanto perplessi. Il documento lo alleghiamo, a queste domande nessuno ha peraltro mai … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen, Consiglio Provinciale/Landtag.

L'ingresso del cosiddetto preforo, già realizzato e propeduetico all'opera

Apprendiamo con soddisfazione che finalmente l’opera verrà fatta e finanziata interamente da Rfi, è un’ottima notizia per la mobilità sostenibile e per l’Alto Adige. Ci potremmo anche fermare qui, ma un paio di precisazioni si rendono forse opportune. Innanzitutto il presidente non ha chiarito le incongruenze su quanto dichiarato in aula in occasioni differenti dal … continua

Scritto il da e archiviato in Bolzano/Bozen, Consiglio Provinciale/Landtag.

flirt

E’ estate e le risposte a un’interrogazione depositata oggi arriverebbe in autunno. E quindi proviamo a porre qualche domanda in un comunicato e a fare qualche ragionamento su uno delle opere fondamentali per la mobilità provinciale, la realizzazione della galleria ferroviaria del Virgolo. Da fonti di stampa si apprende che il progetto – incagliato da … continua